Ragusa, la prima “cacioteca” regionale

pecorino siciliano DOP pecorino siciliano DOP Inaugurata a Ragusa la prima 'cacioteca' regionale. Si tratta di una struttura unica in Italia, probabilmente, non si trova niente di simile anche nel resto dell'Europa.
Grazie al Corfilac, polo internazionale per la ricerca sulla qualità della filiera casearia, che affrontando difficoltà e impedimenti in un progetto ambizioso ma, al tempo stesso, necessario per preservare le tipicità regionali.
Proprio adiacente la sede dell'istituto di ricerca, nasce la nuova struttura che può disporre di 12 celle e diversi ambienti posti su due livelli.
All'interno del centro, i ricercatori del Corfilac studiano i processi di caseificazione dei formaggi e, in collaborazione con produttori e stagionatori, affinano le tecniche di produzione.

Solo grazie alla nuova struttura, la tecnologia all’avanguardia e l'esperienza ventennale nel campo della ricerca scientifica, si possono ricreare condizioni climatiche e ambientali ottimali, come i locali di stagionatura storici, e allo stesso tempo osservare il processo di caseificazione in modo controllato.
pecorino siciliano DOP




pecorino siciliano DOP La Cacioteca Regionale Siciliana non è solo ricerca.
Il fine ultimo è quello di unificare scienza e conoscenza tramite percorsi di apprendimento rivolti ai consumatori, apassionati, giornalisti, operatori del settore e tutto il mondo della scuola.
Un grande sforzo verso l'educazione e la conoscenza alimentare, mediante l'analisi sensoriale del formaggio o laboratori che mostrano le caratteristiche del cibo che si mangia.

Così la cacioteca diventa un enorme contenitore di conoscenza, in grado di preservare e innovare il prodotto tipico siciliano e, allo stesso tempo, far incontrare le realtà mondiali. Porte aperte, dunque, a produttori provenienti da 19 paesi con l'esposizione di oltre 100 formaggi.